16 set, 2014
EnglishFrench Italian
Facebook MySpace Twitter Delicious Google Bookmarks RSS Feed 

Batterie ricaricabili

Acea Reti e Servizi Energetici SpA, società del Gruppo Acea, hanno presentato il nuovo impianto fotovoltaico, "Grid Connected", che ha realizzato The term comes from the French voyeur, one who looks. Pornographic films are produced and supplied on a variety of media, depending on demand and the technology available, including traditional film stock in various formats, video for home viewing, DVD, Internet download, cable TV and other media. Boots are seen as the perhaps most fetishistic of all footwear and boots may be the most popular fetish clothing attire. They signal the presence of estrogen and the presence of sufficient fat stores for pregnancy and lactation. Such video tapes are often released without the consent of their subjects, and could potentially damage celebrities careers. Top and dominant are widely recognized for those partner in the relationship or activity who are, respectively, the physically active or controlling participants. The current public acceptance of celebrities with sex tapes is speculated by Joe Levy, executive editor of Rolling Stone, to be due to the easy availability of pornography, as well as couples more commonly making their own tapes due to the prevalence of video cameras. These styles are much closer to the style of bondage scenes in mainstream television. Pantyhose/Tights/Stockings pornography involves women or men dressed in pantyhose, tights, or stockings. These actors often play the top roles but this is not always the case, such as with Kristen Bjorn and some Bel Ami models. The cover is open while the submissive lies down on his back and places his head in the box. A 2009 study found that heterosexual male fat admirers preferred females that were clinically overweight and rated both overweight and obese women more positively than slighter individuals. Key party A key party is a form of swinger party, in which male partners place their car and house keys into a common bowl or bag on arriving. As the prostate is touch-sensitive, milf photos some directly stimulate it using a well-lubricated finger or dildo inserted through the anus into the rectum. There are varieties of definition and geographical data presented by organizations and individuals for classifying the Asian people. per conto terzi e con potenza di 3.209,67 kWp sulle nuove pensiline ombreggianti per il parcheggio di autovetture, furgoni e tir del Centro Agroalimentare di Roma (Car) in via Tenuta del Cavaliere presso

Leggi tutto...

Auto elettriche ed ebike per un'isola a emissioni zero: con questo obiettivo ambizioso la mobilità elettrica sbarca a Ustica nell'ambito del primo progetto di questo genere in Sicilia. L’idea è nata e ha preso forma su iniziativa della Provincia di Palermo in collaborazione con il Comune di Ustica e un network privato di aziende, Bosch, Citroën, Lombardo, Peugeot e Scott. La sperimentazione dell'emobility nell'isola parte in questi giorni: una stazione di ricarica Bosch, installata presso il Municipio, servirà per ricaricare due veicoli elettrici, una Citroën C-Zero e una Peugeot iOn e quattro eBike, biciclette a pedalata assistita, dei costruttori Lombardo e Scott, tutte dotate della tecnologia di ricarica Bosch. Inoltre, Bosch gestirà, attraverso la propria piattaforma software, tutti i servizi associati alla mobilità elettrica. Verrà adottato così un sistema di micro mobilità, la cui sperimentazione avrà la durata di sei mesi. I mezzi elettrici saranno utilizzati dall’amministrazione comunale e provinciale per diverse attività di servizio. Con una superficie di circa 8,65 chilometri quadrati, 3,5 chilometri di lunghezza e 2,5 chilometri di larghezza, e distanze ridotte - la strada principale è lunga circa 9 chilometri - l’isola di Ustica ha le misure ideali per la mobilità elettrica. Un’auto elettrica di ultima generazione, dotata di batterie al litio, consente infatti di coprire distanze fino a 150 chilometri con una sola carica. Le dimensioni dell’isola si adattano bene anche all’uso delle eBike, le biciclette a pedalata assistita, valide alleate negli spostamenti di tutti i giorni, per pedalare senza sforzo su ogni percorso e pendenza.

“L’avvio di questo progetto – spiega il presidente della Provincia di Palermo, Giovanni Avanti - rappresenta un passo importante sotto molti punti di vista. Innanzitutto per il valore che assume la stretta collaborazione tra enti pubblici e aziende private, un esempio di sinergia da estendere ogni giorno di più. Ma soprattutto per gli obiettivi che questa sperimentazione si pone: la mobilità ad emissioni zero in un’isola dal prezioso valore naturalistico e dalla forte vocazione turistica rappresenta un valore aggiunto per disegnare un nuovo scenario di sviluppo economico e sociale di Ustica". Ma è solo "il primo step di un programma più ambizioso sul quale la Provincia sta lavorando in sede di Programmazione a medio e lungo termine", sottolinea Avanti. Che annuncia: "Faremo di Ustica un 'isola sostenibile', un luogo nel quale le più avanzate tecnologie per il risparmio energetico, la riduzione di emissioni, l’utilizzo di energie rinnovabili, si intreccino per salvaguardare il territorio, potenziare le strutture e i flussi turistici e creare nuova occupazione per i giovani del posto. Un progetto-pilota che speriamo possa diventare esempio per molte altre realtà del nostro territorio ma anche per l’intera Unione europea”.(f.n.)

Parco auto elettriche per la BNL. Il  Gruppo BNP Paribas investe nella mobilità sostenibile, acquistando dieci Peugeot iOn, per le esigenze di servizio del personale nelle sue sedi di Roma, Milano e Firenze e  installando una serie di colonnine di ricarica. Le Peugeot iOn hanno un’autonomia di 150 chilometri, grazie a un nuovo pacco di batterie a 80 celle, che consente una ricarica rapida in meno di 30 minuti.

Non solo. Grazie al design di Leslie Clerc, artista francese, le vetture elettriche di BNL verranno personalizzate in modo da comunicare a tutti l’intento “green” del Gruppo. “L’iniziativa - ha dichiarato Fabio Gallia, amministratore delegato di BNL - conferma la nostra volontà di alimentare e diffondere, con azioni concrete, la cultura dell’attenzione e della cura verso l’ambiente”. BNL continua così sulla strada dell’impegno ambientale, dopo l’iniziativa avviata nel 2010 Metti in conto un nuovo albero, attraverso cui è stato donato un albero per ogni conto corrente aperto nelle agenzie del Gruppo, per arricchire e creare aree verdi pubbliche e compensare l’impronta ambientale. Le nuove agenzie, inoltre, sono state inoltre realizzate attraverso principi di sostenibilità e dotate di apparecchiature bancomat alimentate con pannelli fotovoltaici. (a.m.)

Enel Green Power chiude il 2011 con una flessione nell’utile netto, ma con ricavi in crescita. La società di Enel specializzata nelle fonti rinnovabili ha registrato un risultato netto consolidato di  408 milioni di euro, con un calo dell’8,8% rispetto ai 452 milioni di euro registrati nel 2010, ma i

Leggi tutto...

Stop alla produzione di CO2 nello stabilimento di ABB di Dalmine. La fabbrica del colosso delle tecnologie per l’energia e l’automazione ha intrapreso ormai da un paio di anni un percorso virtuoso che punta ad azzerare le emissioni inquinanti e climalteranti. “Circa due anni fa abbiamo avviato un piano per

Leggi tutto...

ZeroEmission Rome 2012, la grande kermesse dedicata a energie rinnovabili, sostenibilità ambientale, lotta ai cambiamenti climatici ed emission trading, in programma dal 5 al 7 settembre alla Fiera di Roma, si preannuncia ricca di novità tra cui diversi settori merceologici, che la rendono ancora più completa e rappresentativa del mondo della green economy. Oltre a Eolica Expo Mediterranean (energia dal vento) e PV Rome Mediterranean, (tecnologie fotovoltaiche per il Mediterraneo), quest’anno la manifestazione presenta, infatti, nuove aree tematiche quali:
- ZeroWaste: un intero padiglione dedicato a raccolta, trattamento, smaltimento, riutilizzo e valorizzazione dei rifiuti, con un focus sul biogas e sulla cogenerazione;
- Energy Storage, area dedicata all’immagazzinamento dell’energia elettrica, nel cui ambito saranno proposte batterie innovative ed efficienti per l’accumulo di energia, che consentono i consumi necessari in ogni momento, a livello sia domestico sia industriale;
- GeoEnergy: impianti, tecnologie, macchinari, attrezzature e servizi per l’industria dell’energia pulita ricavata dal sottosuolo e dalle pompe di calore;
- Fire Tech, il settore delle tecnologie del fuoco: energia dal legno, pellet, tecnologie per la produzione di calore. Il legno è un materiale sostenibile perché richiede basso contenuto di energia durante la fase di produzione, è biodegradabile ed è facilmente inseribile in un processo di rigenerazione;
- Casa Energia, l’area dedicata agli operatori che si occupano di isolamento termico e acustico, domotica, illuminazione, certificazione energetica degli edifici, bioedilizia, case prefabbricate in legno, in un’ottica di efficienza energetica;
- Hydro Energy: energia idroelettrica e, in particolare, impianti mini idroelettrici capaci di trasformare l’energia di piccoli corsi d’acqua in elettricità in modo pulito e sostenibile.

Dopo il successo dell’anno scorso ritornano inoltre a ZeroEmission Rome 2012 Solartech (energia solare termica e termodinamica), Electric Cars, area dedicata alla mobilità sostenibile nella quale saranno esposti veicoli elettrici (con la possibilità anche di effettuare dei test drive), centraline di ricarica e pensiline, Compomat Wind, l’area dei materiali compositi per l’industria eolica, e MyPartnering, un efficace strumento per il business one-to-one, che individua gli operatori più indicati per fissare incontri mirati durante i giorni di fiera. Con questo ricco programma ZeroEmission Rome 2012 completa la sua offerta fieristica e punta a incrementare ulteriormente il successo. La rassegna, che l’anno scorso è stata visitata da ben 30.400 operatori del settore (+ 11% rispetto al 2010) e si è svolta su una superficie espositiva di 45.000 metri quadri (+ 30%), quest’anno supererà i 50.000 metri quadri distribuiti in sette padiglioni.

Il programma di ZeroEmission Rome 2012 sarà completato da un qualificato programma congressuale, che da sempre fa parte della formula vincente della manifestazione.

Gli operatori dell’eolico attendono con trepidazione la scadenza, prevista per domani mercoledì 29 febbraio, della legge regionale della Campania n.11 del 2011 che ha introdotto severi limiti all’installazione di centrali eoliche sul territorio campano. Se il provvedimento cesserà, come previsto, di produrre i suoi deleteri effetti sul settore sarà una

Leggi tutto...

Si accende il dibattito sull’integrazione delle rinnovabili nelle reti elettriche. “La presenza di un numero impensabile, fino a pochi anni fa, di piccoli impianti che producono energia elettrica pulita (in Italia per  il solo fotovoltaico ci stiamo avvicinando a quota 500.000) richiede reti elettriche 'intelligenti', capaci cioè di gestire fonti

Leggi tutto...

La rivoluzione della trasmissione elettrica in corrente continua per ottimizzare il consumo di energia a bordo e abbattere le emissioni inquinanti delle navi: una soluzione che ora il colosso delle tecnologie per l’energia e automazione ABB applicherà per la prima volta a una nave piattaforma attualmente in costruzione in Norvegia con l’obiettivo di incrementare notevolmente i livelli di efficienza delle sue operazioni. L’ordine ricevuto dall’armatore Myklebusthaug Management prevede la fornitura del primo sistema in assoluto di trasmissione di energia elettrica in corrente continua (CC) a bordo di una nave con una capacità di 5.000 tonnellate per 93 metri di lunghezza. Si tratta di un notevole passo avanti nell’innovazione dei sistemi di propulsione grazie ad una distribuzione di potenza che avviene mediante un singolo circuito in corrente continua, che assicura un notevole risparmio di energia rispetto ai tradizionali sistemi di propulsione navale, in cui le varie operazioni sono alimentate da un circuito in corrente alternata che costituisce circa l’80% del consumo elettrico di bordo. Eliminando così la necessità di trasformatori e quadri voluminosi l’ingombro e il peso del sistema elettrico complessivo può essere ridotto del 30% creando maggiore spazio per i passeggeri e per il carico.

Il nuovo sistema di bordo lanciato da ABB fa parte di un rinnovamento delle soluzioni di distribuzione di energia ABB basate sulla tecnologia in corrente continua in grado di fornire sistemi di distribuzione e propulsione elettrica altamente efficienti per molte tipologie di navi. In particolare, è progettato per adattarsi su navi equipaggiate con circuiti di bordo a basso voltaggio (come navi piattaforma da supporto offshore, rimorchiatori, traghetti e yacht) e può ridurre il consumo di carburante e le emissioni nocive del 20%.“Questa soluzione - spiega Veli-Matti Reinikkala, responsabile della divisione Process Automation di ABB - permette di sfruttare al meglio le fonti di energia alternative come risorse supplementari ovvero i moduli fotovoltaici, le celle a combustibile o le batterie connesse direttamente al sistema di bordo in corrente continua”. ABB fornirà il sistema di bordo in CC oltre che tutti i sistemi di potenza, propulsione e automazione per la nave piattaforma deposito di carburante e supporto per le operazioni di cantiere offshore. (f.n.)

Nei prossimi anni si assisterà a una massiccia penetrazione dei sistemi di stoccaggio di energia anche nelle piccole comunità o nei complessi residenziali grazie principalmente all’espansione della generazione distribuita da fonti rinnovabili e alla diffusione dei veicoli elettrici: è la conclusione di un nuovo rapporto di PikeResearch dal titolo “Community and Residential Energy Storage”, secondo il quale questo particolare segmento del mercato dei dispositivi per l’immagazzinamento energetico attrarrà investimenti per un totale di 4,2 miliardi di dollari nell'arco dei prossimi dieci anni. La presenza dei CRES (community and residential energy storage) – sostiene lo studio – sarà dunque resa necessaria nei prossimi anni dall’affermarsi di un modello di approvvigionamento energetico diverso da quello attuale, in cui l’energia prodotta da una miriade di impianti a fonti rinnovabili distribuiti sul territorio viene consumata sul punto di produzione e, per la parte eccedente, ceduta in rete. Un modello che però va incontro ad alcuni inconvenienti come l’intermittenza delle fonti rinnovabili più diffuse come il sole e il vento (disponibili in grande abbondanza ma con significative variazioni a seconda dei momenti della giornata) e una gestione più complessa dei picchi di domanda. A questi inconvenienti porranno rimedio sistemi di distribuzione dell’energia ottimizzati come le smart grid, basate sull’interazione con gli utenti, e per l’appunto i sistemi di stoccaggio dell’energia. PikeResearch prevede un boom di quelli residenziali o per le piccole comunità, dove raggiungeranno, stima, una capacità di 780 MW entro il 2022, con un valore di mercato annuale di 872 milioni di dollari. Complessivamente gli investimenti nei sistemi CRES totalizzeranno 4,2 miliardi di dollari entro quella data. “I CRES rappresentano una delle applicazioni più nuove e meno comprese dei dispositivi di stoccaggio dell’energia – spiega Anissa Dehamna, analista di PikeResearch – “A oggi il mercato è ancora nella fase dimostrativa e ci vorranno ancora un paio di anni prima che si crei una nicchia specifica per i sistemi CRES”.

La tecnologia principale in questo segmento nei prossimi dieci anni sarà, secondo PikeResaerch,  quella agli ioni di litio, già leader del resto anche nei progetti dimostrativi “utility scale”. Ma cresce l’interesse anche per le batterie di flusso o piombo-acido avanzate, ma bisogna vedere quali saranno le principali applicazioni per queste tecnologie, se "on grid", come nel caso dei CRES, od "off grid" per fornire energia a villaggi o a sistemi di telecomunicazione in aree remote o ad attività minerarie. (f.n.)

Altri articoli...

Pagina 15 di 20

15

Carrello

VirtueMart

Il carrello è vuoto.

Come pagare

paypal

ed inoltre Bonifico Bancario

Costi di spedizione

Le spedizioni sono sempre tracciabili. Costi di spedizione a partire da € 4,50 + IVA 20%